Le Cinque Terre e il Golfo dei Poeti


Il tuo tour alle Cinque Terre e nel Golfo dei Poeti via mare con 5 Terre Experiences!


SCOPRI IL TERRITORIO →

Le Cinque Terre e il Golfo dei Poeti


5 Terre Tour Experiences confeziona delle vere e proprie esperienze del nostro territorio, da Lerici a Bocca di Magra fino a raggiungere Portovenere con le sue isole e da Spezia fino alle Cinque Terre. Un lembo di terre che si abbracciano in un arcobaleno di colori e sapori autentici da salvaguardare.

Oltre ad essere delle gite in barca originali ed entusiasmanti, i nostri tour sono uno strumento efficace per scoprire i luoghi più preziosi e nascosti dello scenario spezzino.

Tutti gli itinerari sono stati pensati per voi: potrete godere pienamente delle nostre bellezze marine, dell’incanto della costa e delle nostre bellissime isole e borghi antichi senza fretta, grazie a soste ad hoc e a momenti di relax unici che trasformeranno i vostri viaggi in esperienze indimenticabili.


L'Area Marina Protetta delle Cinque Terre

Il Territorio


Il lembo più ad est del Golfo dei Poeti è costituito dal Promontorio del Caprione, il quale unisce il Golfo stesso a Bocca di Magra. Quest’ultima è una rinomata località balneare situata nel comune di Ameglia, proprio nel punto in cui sfocia il fiume Magra. In barca, dal mare, svetta il Monastero Santa Croce, situato sul versante est del Promontorio del Caprione. In questo paradiso di macchia mediterranea si distinguono due mete assolutamente imperdibili: Punta Corvo a Montemarcello e Punta Bianca, vicino al Monastero Santa Croce, sul versante ovest del promontorio. La prima è caratterizzata dal colore scuro della sua sabbia e vi si può facilmente attraccare. Dal mare appare come un approdo allettante, secluso e protetto da una ricca vegetazione. La seconda, Punta Bianca, è un’insenatura caratterizzata da bianche rocce calcaree lisce e piatte, anch’essa raggiungibile via mare. Da questo versante del Promontorio del Caprione, in particolare dalla batteria militare che si incontra prima di arrivare alla spiaggia, la vista spazia dalla costa della Versilia fino al Golfo di Portovenere con le isole Palmaria, Tino e Tinetto.


Proseguendo verso Lerici incontriamo il grazioso borgo di Tellaro: dal mare spicca la chiesa di San Giorgio, eretta nel XVI sec. proprio sulla scogliera. Sul nostro tragitto marino incontriamo la località di Fiascherino con le sue suggestive calette comprensive di due belle spiagge. Una volta arrivati a Lerici notiamo subito il Castello, arroccato su un’altura, ed il pittoresco porticciolo di pescatori. Attraversiamo quindi la diga foranea per raggiungere il moderno Porto Mirabello a La Spezia. Alzando lo sguardo, sulle dolci colline dei Colli, ammiriamo il Castello San Giorgio con il museo più antico della città, quindi proseguiamo verso ovest incontrando con lo sguardo le borgate marinare di Marola, Cadimare, Fezzano e Le Grazie con la magnifica Villa del Varignano. Ci dirigiamo verso il versante opposto del Golfo della Spezia: il lembo più ad ovest del Golfo dei Poeti è rappresentato dal promontorio di Portovenere con, di fronte, l’arcipelago delle isole Palmaria, Tino e Tinetto. Nel nostro percorso verso Portovenere incontriamo anche Torre Scola. Questo tratto di mare regala infinite sorprese! Che dire della pittoresca Calata Doria con le sue caratteristiche case-torri, tutte colorate, del borgo di Portovenere. O ancora della Chiesa di San Pietro del 1198, costruita su uno sperone roccioso. Dall’alto svetta il Castello Doria con le sue mura di cinta che scendono verso il borgo.


Dal mare ammiriamo un paesaggio fantastico: attraversiamo Le Bocche, uno stretto braccio di mare che separa Portovenere dall’Isola Palmaria, e proseguiamo a sud, circumnavigando l’isola stessa. Ci aspetta una sequenza di luoghi affascinanti: la “Grotta Azzurra” con i suoi riflessi sulle pareti rocciose, la “Grotta Vulcanica” di Cala Grande, che ricorda una colata lavica, entrambe sul versante occidentale dell’isola e la “Grotta dei Colombi” a sud. Proseguiamo il nostro percorso verso le belle spiagge della località Pozzale, di fronte l’isola del Tino con il suo faro del XIX secolo e dietro a quest’ultima il Tinetto, l’isola più piccola di tutte. Dalla Calata Doria a Portovenere viriamo ad ovest verso la prima delle Cinque Terre, Riomaggiore, assaporando scenari unici: “Le Rosse” in località Albana a Tramonti di Campiglia, con l’idilliaca spiaggetta Albana, sono raggiungibili solo via mare. Si tratta di rocce a strapiombo caratterizzate da roccia rossa, visibili anche da lontano. Di seguito le rocce denominate “Le Nere” per la presenza dell’ardesia, in località Muzzerone: svettano a strapiombo sul mare e nascondono, come tesori veri e propri, piccole spiagge dalle acque limpide e cristalline tra le quali la spiaggia del Persico, composta da grandi sassi rotondi.


Proseguendo il nostro viaggio incontriamo il primo borgo delle Cinque Terre, Riomaggiore, arroccato su uno sperone roccioso, con la sua spiaggetta, il punto di attracco barche, la sua Marina ed i sentieri ad hoc tra i vigneti. Questo borgo è il punto di partenza della famosa “Via dell’Amore”. Oltre Riomaggiore, a breve distanza, il borgo di Manarola, anch’esso arroccato sulla roccia e diviso in due parti dalla via principale, un tempo un corso d’acqua. È caratterizzato dalla Marina con il punto di attracco barche, dal bel sentiero lungomare che porta alla maestosa terrazza sotto al cimitero e dai caratteristici sentieri tra i vigneti. Il terzo villaggio delle Cinque Terre è Corniglia, quello più in alto di tutti, con le sue tradizioni campestri. Dal mare appare come un imponente borgo: qui vale la pena di tuffarsi nella piccola baia detta “La Marina”. Continuiamo fino a raggiungere Vernazza, un borgo antico che colpisce lo sguardo dei visitatori per la presenza della torre di guardia e d'avvistamento, il Castello dei Doria, il Bastione Belforte presso l’imboccatura del porticciolo sotto al Castello, la magnifica chiesa parrocchiale di Santa Margherita d’Antiochia con le sue spiaggette. Infine raggiungiamo il paese più grande delle 5 Terre, Monterosso. Approderemo nella parte antica del borgo con le sue spiagge, il punto di attracco delle barche e la storica Torre dell’Orologio. Avvisteremo la suggestiva Torre Aurora alzando lo sguardo verso il Convento dei frati Cappuccini, il suggestivo cimitero, le grandi spiagge sabbiose del lungomare Fegina, la villa di Eugenio Montale, la Villa del Gigante e la bellissima Punta Mesco, una zona marina protetta.